SMENTITA: gli arresti per la maxi frode fiscale sono di due mesi fa

Normalmente i giornali ed i giornalisti non amano ammettere di aver sbagliato. E nemmeno ritornano sui loro passi per aggiornarvi su una precedente storia. Le vecchie notizie non interessano più a nessuno. I media “mainstream” piuttosto che servire il pubblico interesse commentano argomenti  generici. I servitori del potere si limitano a scrivere agiografie. Invece noi umili servitori delle più scomode verità siamo capaci di smentirci puntualmente.

Questo è quanto scrivevamo ad agosto del 2020 quando appurammo che Evandro “Leandro Serra” Serallegri  non è dotato di altre armi che il suo notevole peso. Siamo oggi sfortunatamente costretti ad ammettere un nuovo errore. Gli arresti per la maxi frode internazionale di cui vi abbiamo dato notizia non risalgono infatti a cinque giorni fa ma al 25 maggio 2021.

Marco Bonaveno negli uffici di Slovakia Group
Marco Bonaveno e Serena Colusso negli uffici di Slovakia Group. Photocredit Buongiorno Slovacchia

Degli arresti del 24 marzo in Slovacchia nessuno sapeva nulla

L’errore, di cui ci scusiamo, è dovuto al silenzio nel quale la notizia è stata avvolta, soprattutto in Slovacchia. Noi lo abbiamo appreso solo oggi perché nessuno tra quelli che ne era a conoscenza ne ha fatto parola in pubblico e tanto meno in privato.

Tutte le circostanze che vi abbiamo invece riferite sono invece vere. Tra gli arrestati (ormai rilasciati come è doveroso quando non vi sia il rischio di fuga o di inquinamento delle prove) due personaggi legati al ragioniere Loris Colusso. Parliamo di Marco Bonaveno (43 anni, di san Michele al Tagliamento) e Severino Pivetta (66 anni, di Fossalta di Portogruaro).

Il sequestro dei beni e il “gruppo Colusso”

E’ vero anche che agli accusati sono stati sequestrati beni per un valore stimato di una decina di milioni di euro. Altrettanto vero è che Bonaveno sia il socio e l’amministratore di diverse società del “gruppo Colusso”, tra cui la Slovakia Group s.r.o. E’ confermata infine la circostanza che Pivetta sia stato l’amministratore di una azienda domiciliata in Šustekova 51. Presso gli uffici della stessa società di consulenza che è azionista del notiziario online Buongiorno Slovacchia.

Quello che invece non vi abbiamo ancora riferito è che il giro d’affari al momento ricostruito dai finanzieri della Compagnia di Portogruaro supera i 60 milioni di Euro. E che secondo i nostri colleghi della stampa veneta questa è solo la punta dell’iceberg.

Buonaveno è il fidanzato di Serena Colusso

Essendo interessati alle notizie e non ai pettegolezzi avevamo anche tralasciato di precisare che Buonaveno è il promesso sposo di Serena Colusso. Lo rendiamo pubblico su sollecitazione della stessa che, piccata dalle nostre esternazioni, ha tenuto a rimarcarlo pubblicamente su facebook.

Selena, Loris Colusso e Marco Bonaveno
Festa per l’anniversario di Slovakia Group. Selena, Loris Colusso e Marco Bonaveno. Photocredit Buongiorno Slovacchia

Tra i beneficiari anche la mafia cinese

Sulle modalità di attuazione della presunta truffa, invece, al momento possiamo precisare solo che “a comprova della falsificazione delle fatture e alla estero vestizione delle società sono stati ritrovati nelle abitazioni degli indagati tutti i timbri relativi alle citate società dell’est“.

Gli investigatori ritengono provato anche “il coinvolgimento di imprenditori del centro e nord Italia, faccendieri e intermediari del Veneto orientale e di esponenti della criminalità cinese di Padova”.

L’importanza della libera informazione

E’ chiaro quindi che il notiziario Buongiorno Slovacchia (distintosi soprattutto per lo scandaloso silenzio in relazione alla misteriosa scomparsa del suo fondatore) è in diretto conflitto di interessi rispetto alla divulgazione di questa ed altre notizie collegate ai suoi editori.

Per questo ribadiamo il nostro impegno per una puntuale e precisa informazione giornalistica in merito a questa ed altre vicende che altrimenti rischierebbero di rimanere ignote alla comunità italiana residente in Slovacchia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Mega truffa fiscale: le accuse contro Bonaveno & Co

Un altro colpo di scena nella tormentata esistenza della comunità italofona che vive tra Praga e Bratislava. Vicende di pubblico interesse. Storie che catturano l’attenzione dei cittadini che lavorano e pagano le tasse. Di chi non può capacitarsi del sorgere e tramontare delle fortune di pochi privilegiati. Ecco perché non […]
I timbri delle società prestanome sequestrati a Bonaveno & co.

Subscribe US Now